LIQUIDI PER SIGARETTA ELETTRONICA: Siamo fatti così!!

Una curiosità che nasce in ogni svapatore, soprattutto a chi si approccia al mondo del vaping per la prima volta, riguarda la composizione dei liquidi per sigaretta elettronica.

Spesso ci sentiamo rivolgere la domanda “Cosa c’è nel liquido?” a cui poi segue “Farà male?

In questo articolo cercheremo di addentrarci nel tema spiegandovi la loro composizione e tranquillizzarvi sulla loro sicurezza e non tossicità.

Qualsiasi liquido per sigaretta elettronica è formato da 5 elementi:

  • Glicole Propilenico (PG)
  • Glicerina Vegetale (VG)
  • Acqua Distillata (non di uso comune)
  • Aromi (Organici o Sintetici)
  • Nicotina (Opzionale)
La sigaretta elettronica fa male o no? Composizione liquidi e-cig

Liquidi per sigaretta elettronica: LA BASE

Partiamo dalla BASE, presente in tutti gli e-liquid, formata da glicole propilenico (PG) e glicerina vegetale (VG)componenti presenti in molti altri prodotti di uso quotidiano quali cosmetici, alimentari, farmaceutici…. la loro presenza è necessaria perché facilita il trasporto di una grande quantità di molecole di acqua in una struttura viscosa, sono quindi perfette per reidratare la pelle, trasportare le molecole dei medicinali, far evaporare gli aromi dei profumi e, nel nostro caso, essere trasformati in vapore dalle sigarette elettroniche.

Liquidi per sigaretta elettronica: GLICOLE PROPILENICO

Cos’è e a cosa serve

Glicole Propilenico USP (Usp sigla usata per gli ingredienti farmaceutici di qualità più alta sul mercato in fatto di purezza ed efficienza) è un composto chimico inodore e incolore, creato attraverso un processo di fermentazione di lieviti e altri carboidrati, assolutamente inerme nei confronti del nostro organismo, si presenta con una consistenza vischiosa ed un sapore dolciastro, ha diversi utilizzi e può essere abbinato ad altre sostanze liquide come l’acqua e cloroformio. Utilizzato nella composizione degli e-liquid come solvente per conservarli e mantenere a lungo l’aroma.

Glicole Propilenico (PG) altri utilizzi:

  • produzione di cosmetici (olii, profumi, prodotti di bellezza)
  • additivo alimentare (indicato con la sigla E1520)
  • supporto nella fase di fermentazione di vino e birra
  • sistemi di raffreddamento come liquido di raffreddamento
  • umettante nei prodotti a base di tabacco
  • soluzioni saline e antisettiche
  • formulazione di farmaci come solvente

Liquidi per sigaretta elettronica: GLICERINA VEGETALE

Cos’è e a cosa serve

Glicerina Vegetale alias Glicerolo a differenza del glicole propilenico è una molecola presente in natura, si presenta come un liquido viscoso, inodore, incolore e dolciastro. Viene ottenuto dal processo di saponificazione dei grassi per idrolisi e successivamente purificato. Il nostro stesso corpo lo produce quando utilizza le riserve di grasso. E’ una sostanza antiossidante, idratante ed emolliente per questi motivi è usato nel settore cosmetico.

Fondamentale negli e-liquid per la produzione di vapore, la sua percentuale viene più o meno aumentata in base al grado di dolcezza che l’aroma necessita e la quantità di vapore desiderata.

Glicerina Vegetale  (VG) usi:

  • settore e-cig come componente dei liquidi
  • settore alimentare soprattutto nei prodotti dolciari
  • articoli farmaceutici ed erboristici
  • detergenti
  • cosmesi

Liquidi per sigaretta elettronica: PG e VG

Effetti e proporzioni

Glicole Propilenico PG permette di ottenere un liquido meno denso con conseguente maggior durata delle resistenze. La minor densità corrisponde ad un maggiore hit in gola da parte della nicotina, si avrà una sensazione più simile al colpo in gola della sigaretta tradizionale.

Glicerina Vegetale VG è un olio vegetale ed è più densa rispetto al PG. La densità porta ad una maggior produzione di vapore ma un minore hit ed un sapore più dolce del liquido.

Vediamo quali sono le principali proporzioni tra PG e VG utilizzate dai produttori di liquidi per sigaretta elettronica:

  • 100% PG: Forte Hit in gola, quasi assenza di vapore e aroma robusto
  • 80/20 PG/VG: Ottima resa di sapore, forte hit e poca resa del vapore
  • 70/30 PG/VG: Più vapore, un pò meno resa del vapore e hit in gola
  • 60/40 PG/VG: Più vapore e buon hit in gola
  • 50/50 PG/VG: Equilibrio perfetto, ottimo hit e resa del vapore
  • 40/60 PG/VG: Molto vapore, sapore e hit moderati
  • 30/70 PG/VG: Vapore più denso, meno hit e meno sapore
  • 20/80 PG/VG: Grandi quantità di vapore, pochissimo hit e sapore
  • 100% VG: Grandissimi nuvoloni di vapore, un accenno di hit in gola e di aroma

Liquidi per sigaretta elettronica: GLI AROMI

L’aroma è la parte del liquido che ne conferisce il gusto e lo troviamo miscelato con una piccola parte di glicole propilenico, non sono utilizzabili allo stato puro ma necessitano di miscelazione.

Sono gli stessi aromi alimentari utilizzati nell’industria alimentare, adattati all’uso per lo svapo.

Una prima grande distinzione va fatta tra Aromi Organici e Aromi Sintetici.

L’aroma organico ha alla base l’ingrediente che ne determina il sapore di natura organica, è quindi naturale. L’aroma viene estratto per infusione, ovvero l’immersione della materia solida in quella liquida, successivamente segue un processo di depurazione dai sedimenti.

Le principali tecniche di estrazione rimangono la macerazione e la distillazione che avvengono utilizzando come principio solvente il glicole propilenico.

Il gusto di questi aromi rispetto ai sintetici sarà superlativo.

L’aroma sintetico è di natura artificiale, le molecole aromatiche vengono riprodotte in laboratorio e sono le stesse utilizzate nell’industria alimentare adattate per l’utilizzo nel vaping. Pur rimanendo ottimi prodotti, per alcune classi aromatiche come nel caso degli aromi tabaccosi la riproduzione dell’aroma sarà meno fedele.

Il ventaglio di sapori degli aromi sintetici è vastissimo rispetto agli organici, il loro utilizzo permette di avere una gamma infinita di liquidi per sigaretta elettronica, si spazia tra tabaccosi, cremosi, fruttati, fino ai più particolari come gli energy drink.

Altro pregio degli aromi sintetici è la più lunga durata della resistenza. Recentemente molti liquidi organici, a seguito dell’avvento delle pod mod, attraverso specifiche lavorazioni di purificazione sono riusciti a mantenere il gusto dell’organico con la durata di un sintetico.

Gusti di liquidi e aromi, semplifichiamoli in 5 classi:

  • Gusto Fruttato: gusto piacevole e fresco
  • Gusto Tabaccoso: il sapore del tabacco in tutte le sfumature
  • Gusto Cremoso: sapore intenso e dolce
  • Gusto Balsamico: il gusto fresco delle erbe
  • Gusto dei cibi: quello che mangi lo puoi svapare

ATTENZIONE!! Gli aromi per sigaretta elettronica non vanno confusi con gli aromi per cucinare e viceversa, il principio è lo stesso ma la lavorazione è diversa.

Liquidi per sigaretta elettronica: ACQUA DISTILLATA

Quarto elemento presente nei liquidi per sigaretta elettronica è l’Acqua Distillata, quella usata in ambito farmaceutico e non quella per il ferro da stiro. In questo caso l’acqua distillata è quella più pura poiché contiene meno ioni, quella di uso comune infatti contiene più calcare e sali minerali che danneggiano irreparabilmente la resistenza dell’atomizzatore.

L’utilità dell’acqua distillata è rendere il preparato meno vischioso.

Liquidi per sigaretta elettronica: NICOTINA

La Nicotina, ultimo elemento e unico opzionabile in quanto non necessario.

Questo elemento modifica l’hit, colpo in gola, anche se questo non dipende solo dalla nicotina ma, come abbiamo già detto, anche dalla percentuale di glicole propilenico e glicerina vegetale. Con l’assenza di nicotina il  sapore degli aromi sarà migliore perché non ci sarà nulla a mascherarli.

La nicotina è una sostanza presente in natura, non è un composto di laboratorio, e come la caffeina è un alcaloide. Rimane nel nostro corpo per un paio d’ore ed è l’unico elemento degli e-liquid che causa la dipendenza ma che può essere dosata in base alle esigenze fino ad essere tolta completamente.

La nicotina è “utile” solo nel passaggio dalla sigaretta tradizionale a quella elettronica, per sopperire alla mancanza delle bionde, ci aiuterà a non averne più bisogno. Nel tempo andrà diminuita fino ad essere eliminata e lì avremo vinto contro il fumo. Alla fine ci rimarrà solo il piacere del gusto.

Gradazioni di Nicotina:

  • 3/4 mg (basso)
  • 6/8 mg (medio-basso)
  • 12 mg (medio-alto)
  • 18 mg (alto)

Pur essendo presente in natura la nicotina è una sostanza tossica e se utilizzata in modo errato può essere letale. Prestate attenzione e usate le dovute precauzioni come guanti ed occhiali. Non usate dosaggi eccessivi. 

Liquidi per sigaretta elettronica: CONCLUSIONI

Speriamo che questo articolo vi sia stato utile. Anche se in maniera sintetica abbiamo  cercato di spiegare la composizione di quello che viene usato per formare i liquidi per sigaretta elettronica siano essi pronti all’uso o scomposti.

Tutti i prodotti per il vaping immessi sul mercato sono certificati e passano attraverso numerosi controlli prima di ricevere il nulla osta.

A protezione del consumatore la loro produzione è regolamentata dalla Legislazione Italiana ed Europea: Direttiva Europea del 2014 TPD “I produttori ed importatori di sigarette elettroniche e di contenitori di liquido di ricarica effettuano una notifica al Ministero della Salute e al Ministero dell’Economia e delle Finanze di tali prodotti che intendono immettere sul mercato. La notifica è presentata elettronicamente sei mesi prima della prevista immissione sul mercato.”

Liquidi per sigaretta elettronica, Aromi e Basi Neutre li trovate qui.

2 Comments

Leave a Reply